Esportazioni valloni: la maggiore crescita dal 2011!12/12/2017

Con un importo mai raggiunto in un solo semestre (€20,9 miliardi), le esportazioni valloni hanno registrato un aumento dell’ 8,8% rispetto ai primi 6 mesi del 2016, nel periodo da gennaio a giugno 2017.

È il più importante tasso di crescita semestrale delle vendite valloni all'estero dal 2011. Quest’eccellente risultato, da gennaio a giugno 2017, conferma chiaramente che il commercio estero vallone prosegue nella sua ripresa.

In termini di benchmarking, le ottime cifre del nostro commercio estero nei primi sei mesi del 2017 (+ 8,8%) permettono alla Vallonia di anticipare la crescita media (+ 7,5%) delle esportazioni delle regioni che compongono il nostro gruppo di raffronto che sono le Fiandre, la Germania, i Paesi Bassi, la Francia e la zona Euro19.  A livello individuale, la Vallonia è posizionata da gennaio a giugno di fronte ai risultati delle esportazioni della zona EURO19 (+ 7,7%), Germania (+ 6,1%) e Francia (+ 3,5%). Solo i Paesi Bassi (+ 12,6%) e le Fiandre (+ 11,3%) fanno meglio della Vallonia nella prima metà del 2017.

I risultati delle esportazioni regionali sono dapprima legati alla loro forte progressione all'interno dell’ UE28 (+ 12,7%). Questo è il più alto livello di crescita dal 2010. Tra i nostri primi 10 partner commerciali in Europa, le nostre vendite sono state molto ben sviluppate in Francia (+ 10,8%), Germania (+ 10,6%) e Paesi Bassi (+ 10,1%), i nostri primi tre clienti stranieri, così come in Spagna (+ 37,1%), Polonia (+ 32,2%), Italia (+ 26,0%), Svezia (+ 18,8%) e Austria (+ 12,7%).  Per tutti questi otto Paesi, che rappresentano più del 60% del nostro commercio estero, questi tassi di crescita sono i più importanti per i nostri esportatori per molti anni.

Al di fuori della zona UE28, le esportazioni valloni mostrano una diminuzione del 4,4% nella prima metà del 2017, che pone fine a tre anni di crescita ininterrotta nelle nostre vendite nelle cosiddette regioni "grandi esportazioni". Nonostante la natura prevalente della situazione internazionale, l'apprezzamento dell'euro delle principali valute mondiali sin dall'inizio dell'anno ha costituito senza dubbio un handicap per la competitività-prezzo dei prodotti valloni su mercati esterni all’Unione europea. Questo fattore era particolarmente rilevante per l'America del Nord (-17,2%). Tuttavia, si prevede che le esportazioni aumentino in America Latina (+ 12,6%), Europa centrale e orientale (+ 42%) e, più modestamente, in Estremo Oriente (+ 0,2%).  

A livello settoriale, le esportazioni delle industrie chimiche e farmaceutiche si contraddistinguono per una notevole espansione nella prima metà del 2017 (+ 23,5%), che rappresenta la loro maggiore crescita dal 2009 e consente loro di consolidare facilmente la posizione del primo settore esportatore vallone (33,1% del totale). Ciò esprime in sostanza l’incremento spettacolare del 30,1% delle vendite di prodotti farmaceutici valloni nei mercati mondiali, che rappresentano il 70% delle esportazioni chimiche e il 20% del totale vallone.

Nel corso dei primi sei mesi 2017 nella Top 10 dell'export vallone, bisogna anche evidenziare in modo particolare l'ottimo risultato (+ 27,7%) delle esportazioni dei metalli di base e delle relative lavorazioni, dopo due anni di calo.